CICLI CHE RITORNANO

Elettrico e leggero, l’olandese Motorman si ispira al passato per garantire una mobilità ecologica.

Il modello ricorda i primi ciclomotori dell’inizio del secolo scorso, tipo il Gilera VT 317 del 1909. Ma a differenza di questi non ha un motore a benzina ne pedali per l’avviamento, e raggiunge velocità modeste: 45 chilometri all’ora nella versione standard, 25 in quella ridotta. Di fatto, a dispetto del nome e di un design rètro, il Motorman dell’olandese Meijs è più vicina a una e-bike che non a una moto. Azionata da un motore elettrico posizionato sulla ruota posteriore, questa moto a zero emissioni e zero rumore pesa solo 45 chilogrammi, grazie a un telaio composto da quattro semplici tubi d’acciaio. Ad alimentarlo è una na batteria al litio da due kW, che richiede per ricaricarsi dalle quattro alle sei ore, e assicura al veicolo un’autonomia di marcia fino a 100 chilometri. Pensato per la mobilità in città, il Motorman ha un estetica minimalista, senza lampeggianti o altri optional, al di fuori di un portapacchi. “Ho eliminato tutto quello che non era necessario” sintetizza il fondatore dell’azienda Ronald Meijs. – da ciclista- aggiunge il designer – mi arrabbio spesso per l’inquinamento causato dalle moto – Il suo costo elevato è dovuto alla fabbricazione, che è tutta artigianale. Prezzo: 5.950 euro meijsmotorman.com