Il Padiglione Italia alla Biennale di Architettura 2016

biennale-di-architettura-2016-venezia-mappa-eventi-17-958x639

 

“TAKING CARE, Progettare per il bene comune / Designing for the common good” è il titolo del Padiglione Italia alla Biennale di Architettura 2016, curata da Massimo Lepore, Raul Pantaleo e Simone Sfriso.

In un’epoca in cui la compartecipazione, la condivisibilità e la collaborazione sociale nascono per far fronte ad un’ondata di profonda crisi, anche l’architettura cambia e si mette al servizio della comunità, degli individui, degli spazi, dei luoghi, dei principi e delle risorse.

È questo il tema del progetto presentato in occasione dell’attuale edizione della Biennale di Architettura che pone l’architettura come rimedio e soluzione al problema della marginalità e dell’esclusione proprio delle periferie. Le stesse periferie – ricche di cultura sociale e attività creativa – possono dare il meglio di sé nel caso venissero organizzate e inserite all’interno dei flussi metropolitani, senza snaturarle.

All’interno del Padiglione Italia, si cerca di rappresentare l’architettura non come pratica spettacolare e meramente estetica, ma anche più profondamente funzionale.

20 progetti di studi italiani spaziano in campi come l’abitare, il lavoro, la salute, l’istruzione, la cultura, valorizzando il rapporto tra una committenza variegata (pubblica, privata, associativa, civica) e un’architettura parte attiva nel processo di partecipazione e condivisione.

TAKING CARE è un percorso espositivo costellato da scatti fotografici che danno forma all’idea di bene comune nel nostro Paese, insieme a cinque progetti assegnati ad altrettanti associazioni nazionali che hanno come mission principale la riqualificazione delle aree preiferiche.

Lo scambio di queste precise sinergie potrebbe dare luogo a scenari inediti per l’architettura nazionale. Non è forse questo l’intento dell’intera rassegna?

Credits: La Biennale di Venezia
Credits: La Biennale di Venezia
Credits: La Biennale di Venezia
Credits: La Biennale di Venezia
Credits: La Biennale di Venezia
Credits: La Biennale di Venezia
Credits: La Biennale di Venezia
Credits: La Biennale di Venezia